È stata chiesta l’archiviazione per i 12 medici finiti nei guai dopo la morte del docente in pensione, Tomaso Stara, 86 anni, il cui caso finì sulle cronache nazionali perché l’anziano era stato operato al femore sano e non a quello rotto per cui si era reso necessario l’intervento. Dopo qualche settimana l’uomo morì ma secondo i giudici non ci sarebbe correlazione tra il decesso e l’intervento sbagliato.

Il tribunale di Torre Annunziata ha dunque chiesto l’archiviazione per l’equipe sanitaria composta da 12 tra medici e infermieri che quel giorno intervenne sul paziente all’ospedale Sant’Anna e Maria della Neve di Boscotrecase. L’intervento fu poi ripetuto, ma Stara non si riprese mai.