Gira su internet quella foto straziante che ritrae insieme Arcangelo Sepe, morto nell’incidente dell’altra notte, e l’amico 19enne Biagio Giugliano, che per la legge rischia di trasformarsi nel carnefice del 18enne di Piazzolla di Nola. I due sono insieme come sempre: ben vestiti ed anche molto simili nel volto e nel fisico. «Erano in simbiosi», dicono i ragazzi della zona che li frequentavano. Biagio, di San Giuseppe Vesuviano, è accusato di omicidio stradale: gli esami dicono che aveva abusato con l’alcol e con gli spinelli.

Ma in strada sono tutti che convinti che il ragazzo non riuscirà a superare questa colpa, quella di avere di contribuito con il sinistro stradale alla morte del suo amico del cuore. E proprio quella foto è il simbolo dell’amicizia stretta e forte tra i due e che nasconde altrettante tragedie. Intanto notizie nemmeno troppo positive arrivano dal Monaldi dove è ricoverato C. N. 18enne di Scisciano che si trovava a bordo della Nissan. Al ragazzo è stata asportata la milza, ed ha gravi lesioni ai reni, oltre che ad un femore.