Ancora un’automobile a fuoco e stavolta con tanto di esplosione perché alimentata a gpl. E le fiamme sono divampate nuovamente nella zona di Pianillo, sul territorio di San Giuseppe Vesuviano, ad un battito di ciglia dal confine con Poggiomarino e Striano. I residenti sono stati svegliati di soprassalto nel cuore della notte a causa di un boato: quando hanno aperto le finestre si sono trovati davanti ad un piccolo scenario apocalittico. Una Fiat Punto di colore grigio era infatti scoppiata del tutto dopo aver preso fuoco molto probabilmente per un corto circuito o per il forte riscaldamento del vano motore.

Alle prime fiamme, la persona a bordo dell’utilitaria, ha recuperato le cose che aveva in macchina come il telefono cellulare ed il portafogli, ha accostato ed abbandonato l’abitacolo, cominciando la fuga a piedi di corsa. L’uomo, un immigrato maghrebino, si era infatti reso conto del pericolo: l’automobile è infatti esplosa una ventina di secondi dopo, non appena le fiamme hanno toccato i serbatoi carichi di gas petrolio liquefatto con cui era alimentata la vettura.

Ed in tal senso il boato è stato fortissimo, tanto da essere avvertito fino a qualche centinaio di metri di distanza dal punto, tra l’altro non densamente abitato, in cui si è verificato lo scoppio. A chiamare i soccorsi sono stati proprio i residenti dell’abitazione più vicina, che tra l’altro si sono ritrovati con frammenti della Fiat Punto (vetri e piccole parti di carrozzeria) all’interno della loro proprietà.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento di Nola, che hanno provveduto a mettere in sicurezza l’intera zona, oltre che a spegnere il rogo che stava continuando a bruciare la vettura. Chi l’ha vista dopo che il rogo è stato estinto parla di un veicolo completamente distrutto e sventrato dallo scoppio. Sono intervenuti anche i carabinieri per indagare sul caso, ma è stato lo stesso proprietario della vettura a raccontare come siano andati i fatti ed a togliere dubbi in merito al secondo incendio di auto in pochi giorni più o meno nello stesso punto.