San Giuseppe, piazza Garibaldi invasa dai bambini: mani bianche verso il cielo per dire no alle mafie


1318

Una mattinata intensa per celebrare la “Giornata della Legalità 2017” e per ribadire il no a tutte le mafie e ad ogni forma di violenza. Piazza Garibaldi è stata letteralmente invasa dai bambini del Primo Circolo Didattico, impegnati, prima, in laboratori creativi, giochi ed attività di sensibilizzazione all’ecologia ed alla sostenibilità ambientale, poi, in Sala Consiliare, per la presentazione del libro “Samir, il postino tunisino”, dello scrittore Tonino Scala.



Alle 12, il momento conclusivo con il flash-mob ripreso in live streaming dalla webcam del Comune di San Giuseppe Vesuviano, puntata sulla gremita piazza Garibaldi, dove i bambini hanno teso al cielo le mani rivestite di guanti bianchi, simbolo di purezza d’animo e contrasto ad ogni forma di sopraffazione. Sono state così ricordate, simbolicamente nella giornata che dà inizio alla stagione primaverile, tutte le vittime innocenti di una guerra infinita, quella delle mafie, che trova terreno fertile nell’indifferenza e nell’omertà.

La vivacità dei bimbi presenti, attenti al significato dell’evento ma presi anche dal gioco e dal divertimento, ha  confermato la veridicità delle parole di Pablo Neruda prescelte quale slogan della giornata: “potranno recidere tutti i fiori, ma non potranno fermare la primavera”.

«Non c’è molto da aggiungere – ha commentato a caldo Vincenzo Catapano, sindaco di San Giuseppe Vesuviano – quando sono i bambini ad essere protagonisti ed a mostrare a noi adulti il vero significato della purezza. Su di noi incombe, tuttavia, il dovere di ribadire sempre, e non solo nel corso della giornata della legalità, il no ad ogni forma di illegalità, di violenza e di prevaricazione».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE