È Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino, a citare per primo la ricetta della “Zeppola di San Giuseppe”, nel suo trattato “Cucina teorico-pratica” pubblicato per la prima volta a Napoli, nel 1837: «Miette ncoppa a lo ffuoco na cazzarola co meza carrafa d’acqua fresca, e no bicchiere de vino janco, e quanno vide ch’accomenz’a fa lle campanelle, e sta p’asci a bollere nce mine a poco a poco miezo ruotolo, o duje tierze de sciore fino, votanno sempe co lo lanatiuro; e quanno la pasta se scosta da tuorno a la cazzarola, allora è fatta, e la lieve mettennola ncoppa a lo tavolillo, co na sodonta d’uoglio; quanno è mezza fredda, che la può manià, la mine co lle mmane per farla schianà si pe caso nce fosse quacche pallottola de sciore: ne farraje tanta tortanielli come solo li zeppole e le friarraje, o co l’uoglio, o co la nzogna, che veneno meglio, attiento che la tiella s’avesse da abbruscià; po co no spruoccolo appuntut le pugnarraje pe farle squiglià e farle venì vacante da dinto; l’accuonce dinto a lo piatto co zuccaro, e mele. Pe farle venì chiu tennere farraje la pasta na jurnata primma».

Sulle origini di questa prelibatezza amata da grandi e piccini, però, a San Giuseppe Vesuviano (Na), non hanno dubbi ed ogni anno, come da tradizione, si organizza una sagra tutta dedicata a lei, la regina “Zeppola”.

Giunta alla XV edizione, organizzata e promossa dal Comune di San Giuseppe Vesuviano (Assessorati allo Spettacolo ed al Commercio), in sinergia con la Confcommercio, questa “Sagra della Zeppola” si svolge in un vero e proprio “villaggio”, dove 16 pasticcerie hanno modo di esporre i propri dolci in casette di legno disposte una accanto all’altra in piazza Elena d’Aosta; ma la sagra continua anche nelle pasticcerie aderenti, direttamente nei punti vendita.

Ci sono stata questa sera e devo dirvi che è davvero uno spettacolo di gusto da non perdere: in tanti hanno offerto la propria immagine – e quella delle zeppole di propria produzione – al mio obiettivo, salutando tutte e tutti voi de Il Fatto Vesuviano.

Il consiglio della Lady è quello di recarvi questa sera, venerdì 3 marzo e domani, sabato 4 marzo, dalle ore 10.00 fino alle 22.00 per gustare le zeppole in vendita ad 80 centesimi per l’occasione e per assistere ai tanti spettacoli proposti dagli organizzatori. Se vi fa piacere prepararle anche a casa, poi, non dovete fare altro che seguire la Lady ricetta che trovate qui http://www.ilfattovesuviano.it/2015/03/le-ricette-della-lady-zeppola-di-san-giuseppe/

Guai, a parlare di Zeppola al forno, eh! Dieta, non dieta… La vera Zeppola è fritta!!!