San Giuseppe, seviziò la fidanzata bruciandole i genitali: nessuno sconto di pena per l’orco


1833

Niente rito abbreviato e niente sconto di pena, dunque, per il marocchino 36enne che seviziò la compagna dopo averla schiavizzata per oltre un anno. L’uomo, mosso dalla folle gelosia e dal timore che la donna potesse avere altre relazioni, la rinchiuse in camera, con le finestre sbarrate, impedendole di uscire.



A maggio del 2016 l’episodio più cruento: per ottenere una confessione su presunte relazioni, le rasò a scopo punitivo parte dei capelli, dopo averla picchiata, per poi immobilizzarle mani e piedi. Poi, prese un accendino e un cucchiaio, sciogliendo della plastica sul ventre, i genitali e tra le natiche della ragazza.

Quella stessa sera la donna riuscì a fuggire mentre il compagno dormiva; in strada incontrò una giovane donna straniera che la soccorse e la portò con sé a San Giuseppe Vesuviano dove venne soccorsa dai sanitari del 118.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE