Candidati a loro insaputa, il consigliere Maiello di Sant’Anastasia: a tutti capita di mettere firme


642

Lo ha detto senza peli sulla lingua, ed è stato forse l’intervento più ficcante della direzione provinciale del Pd che si è tenuta ieri a Napoli. A dare impulso ad una riunione spenta, basata sulla vicenda dei candidati a loro insaputa nel capoluogo a sostegno di Valeria Valente, è stato Giuseppe Maiello, consigliere comunale di Sant’Anastasia, così come riportato da Repubblica.it.



Maiello è intervenuto a difesa di Salvatore Madonna, unico indagato nella vicenda che avrebbe autenticato le firme di chi non sapeva di essere in lista: «Non facciamo gli ipocriti, è capitato a tutti di mettere delle firme, ad esempio al referendum. Dare la responsabilità ad una sola persona è scorretto e negli anni non credo sia stato un caso isolato. Madonna è un capro espiatorio. A chiunque può essere capitato, ma c’è andato di mezzo lui perché ci sono state autentiche di persone che non sapevano di essere candidate. Se c’era poco tempo per autenticare la lista chiunque avrebbe firmato».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE