Nascondeva in casa 66 telefoni cellulari; 40 personal computer portatili; 21 console (Ps3 ed Xbox) 33 tablet; 4 televisori di varie marche, tutto materiale di dubbia provenienza e che probabilmente l’uomo smerciava dopo i furti avvenuti per rapina o a causa dei topi d’appartamento. L’irruzione è avvenuta a Brusciano da parte dei carabinieri di Marigliano.

In manette è finito un marocchino di 34 anni, Mahboub Taher, ambulante molto noto nell’area del Nolano con il nome di “Tommaso”. Da anni il 34enne girava con il carrettino come fanno molti suoi connazionali nell’area vesuviana. E invece, in casa, celava di tutto. L’uomo è finito in cella e dovrà spiegare cosa ci facessero tutti quei dispositivi nel suo appartamento: intanto su ogni singolo apparecchio sono in corso dei rilievi.