Ha lottato per quasi un mese nonostante le gravissime ferite interne riportate in un incidente sul lavoro, ma il suo cuore si è fermato nella notte dopo 25 giorni di agonia. Non ce l’ha fatta Luigi Soviero, il 53enne di Striano che il 4 gennaio era rimasto vittima dello schiacciamento provocato da una pala meccanica all’interno dell’ex Cdr di Giugliano dove lavorava per la ditta gestrice dell’impianto di rifiuti.

Soviero aveva riportato lo spappolamento di un rene, diverse lesioni agli organi interne, emorragie sparse per il corpo e numerose fratture. Da quel drammatico giorno, l’operaio strianese si trovava ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Giuliano di Giugliano, dove è spirato al termine di una lunghissima battaglia per la vita.