Pazienti a terra, reintegrati i 3 medici di Nola: ma ci sarà un supplemento d’indagine


417

A seguito della lettura dell’istruttoria prodotta, consegnata il 26 gennaio 2017 dalle unità ispettive aziendali, la direzione strategica dell’Asl Napoli 3 Sud ha ritenuto di disporre un supplemento di indagine riguardante i noti fatti relativi al pronto soccorso dell’ospedale di Nola accaduti lo scorso 7 gennaio, quando numerosi pazienti furono curati a terra per assenza di letti e barelle.



Un’istruttoria rivolta ad accertare se le disfunzioni furono un fatto episodico, legato a circostanze del tutto particolari ed imprevedibili come le cattive condizioni climatiche e l’impraticabilità di alcune strade o, invece, conseguenza di problemi organizzativi e strutturali.

Il supplemento d’indagini richiederà un congruo lasso di tempo. Ciò ha indotto la direzione aziendale a procedere alla revoca, con decorrenza 27 gennaio 2017, del provvedimento di sospensione disposto nei confronti dei dottori Andreo de Stefano (direttore sanitario di presidio), Andrea Manzi (responsabile del pronto soccorso), Felice Avella (responsabile medicina d’urgenza), fermi restando i provvedimenti successivi consequenziali al completamento del supplemento di istruttoria.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE