Ospedale di Nola, sul pavimento salvato un paziente di Somma Vesuviana colto da infarto


3426

Mentre la politica ed i cittadini si interrogano e si indignano per i pazienti curati a terra nel pronto soccorso di Nola a causa della carenza di lettini e barelle, si scopre che una delle persone fatta sdraiare a terra era arrivata al Santa Maria della Pietà ad un passo dalla morte. Si tratta di un uomo di Somma Vesuviana che era in arresto cardiaco e che è stato salvato proprio perché i medici e i dirigenti hanno deciso di affrontare le emergenze facendo sdraiare i degenti.



Uno dei pazienti ricoverati a terra al pronto soccorso dell’ospedale di Nola

«Una di quelle persone era in arresto cardiaco, ma che dovevamo fare senza letti né barelle, mandarla via? I medici hanno preferito fare la defibrillazione sul pavimento, pur di salvarle la vita come è accaduto». Lo dice Andreo De Stefano, direttore sanitario dell’ospedale civile di Nola, in riferimento ai malati curati a terra. A suo giudizio le immagini mostrate in tv, «non hanno dato una bella immagine dell’ospedale, ma era l’unica soluzione per far fronte all’emergenza». «L’altra persona ritratta a terra – ha raccontato – era stata messa in posizione antisoffocamento perché era in preda al vomito».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE