Arriva la “stesa” anche nell’area vesuviana: i colpi di pistola sparati ad altezza d’uomo contro case e edifici semplicemente per mostrare la forza di un clan contro i rivali sono dunque sbarcati anche ai piedi del Vesuvio L’episodio si è verificato in via Stamperia a Torre Annunziata, contro l’abitazione di una donna.

Il bersaglio delle sei pallottole esplose dalla cosca era una donna, colpevole di essere la madre di un affiliato del clan Gionta attualmente detenuto in cella. A dare la notizia è l’edizione online de Il Mattino. Sul posto sono arrivati i poliziotti del commissariato cittadino che hanno effettuato i rilievi del caso.