A ritrovarli è stata la polizia municipale di Nola: erano accatastati a centinaia in un’area privata in via De Siervo a Nola. Si tratta dei pregiati basoli che sorgevano sulla pavimentazione di via Nuova Marina e via Vespucci a Napoli, rimossi per i lavori in corso nel capoluogo e che poi dovevano essere installati nel centro storico partenopeo.

Ma dei basoli, da tempo, non c’era più traccia. A portarli via era stato un imprenditore edile di Nola che aveva effettuato alcuni lavori sul tratto di via Marina per conto del Comune di Napoli, e che prima di andare via aveva fatto caricare sui suoi mezzi una grande quantità dei pezzi pregiati. L’uomo è stato denunciato per sottrazione indebita mentre l’area è finita sotto sequestro.