Furti di farmaci dagli ospedali di Sarno e Scafati, sospesa infermiera di San Giuseppe: TUTTI I NOMI


5212

Farmaci ospedalieri venduti ai pazienti e servizi ambulatoriali forniti eludendo il pagamento del ticket. Con queste accuse un infermiere di 51 anni in servizio all’ospedale di Sarno, Alfonso Ferrante, è stato messo agli arresti domiciliari. Con lui, è stata sospesa dall’esercizio di pubblico servizio una sua collega 47enne, Immacolata Cardarelli di San Giuseppe Vesuviano.



Sono stati i carabinieri della Stazione di San Valentino Torio a dare esecuzione all’ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal Gip di Nocera Inferiore. Oltre ai due sanitari sono stati colpiti da divieto di dimora, nei comuni delle rispettive sedi di servizio, la 49enne Concetta Barba di Sarno, addetta alle pulizie dell’ospedale Martiri di Villa Malta ed il 39enne Giovanni Strino, tecnico di apparecchiature sanitarie in servizio all’ospedale civile Mauro Scarlato di Scafati.

Le indagini, condotte dai militari e coordinate dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, hanno consentito di collegare gli indagati a numerosi episodi di peculato di farmaci ad uso esclusivamente ospedaliero nonché l’erogazione, in favore dei pazienti, di servizi ambulatoriali all’interno del nosocomio sarnese effettuata eludendo i pagamenti dei prescritti ticket prestazionali. Gli indagati sono in totale 27 tra cui 7 medici, tre infermieri, due dipendenti addetti alle pulizie, tutti dell’ospedale di Sarno e 15 pazienti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE