«Questo è l’ordine del giorno del Consiglio comunale di San Giuseppe Vesuviano (nella foto): una pubblica assise ridotta a discutere di alcuni articoli di giornali locali e di beghe politiche-personali da quattro soldi. Intanto abbiamo periferie abbandonate, una pubblica illuminazione da terzo mondo, una raccolta differenziata che arranca da oltre due anni tra scandali e inchieste e una biblioteca chiusa al pubblico e priva di sede a causa di scelte politiche scellerate». A parlare è Francesco Giugliano presidente di Rinascita Civile Vesuviana.

«Siamo sempre più convinti che, fino a quando i sangiuseppesi continueranno a votare i membri di questa classe politica inerte e fallimentare, il paese non potrà mai seriamente ripartire. D’altra parte sono passati diversi anni dall’ultimo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazione camorristica, ma buona parte dei protagonisti di quella triste stagione sono ancora lì in aula consiliare: occorre un radicale esame di coscienza da parte di tutti noi cittadini», conclude RcV.