Referendum, le reazioni dei politici vesuviani: ed a Terzigno scattano i caroselli in strada


795

Il fronte del “no” e quello del “sì”: in molti hanno affidato le proprie reazioni ai social network. Apre il consigliere regionale del Pd e tra i più influenti del partito in Campania, Mario Casillo: «Commentare una sconfitta non è mai facile, ma non ci sottraiamo: in questi mesi abbiamo provato a spiegare il perché credevamo nel cambiamento, nel perché volevamo una Italia che potesse guardare al futuro con occhi diversi, il popolo ha voluto diversamente interpretando questo voto come un giudizio sul governo Renzi. Continueremo a lavorare nel solo interesse della collettività per il rilancio del nostro territorio».



caroselli

Tra gli sconfitti anche il sindaco di Poggiomarino, Leo Annunziata che dice: «In Italia e a Poggiomarino vince il No. Come per ogni elezione il responso popolare è sovrano», e l’assessore comunale di San Gennaro Vesuviano, Ornella Manzi, che invece scrive: «Ci abbiamo creduto per amore dell’Italia. Chi si espone e lotta per un ideale va rispettato sempre e comunque, chi ha degli ideali non perde mai».

Gli altri, invece, sono quelli che esultano, a partire dal consigliere comunale di centrodestra a Sant’Anastasia, Alfonso Di Fraia: «Renzi si è dimesso, accettando la sconfitta, gli italiani hanno vinto contro i poteri forti! Ora è il momento di “votarci un presidente del consiglio” ed un Parlamento (cosa che per 4 governi non abbiamo fatto). Legge elettorale e subito al voto». A Terzigno, addirittura, si sono visti caroselli in auto tra le strade a cui avrebbe partecipato ma con un ruolo marginale anche il consigliere di opposizione, Tina Ambrosio, sostenitrice del “No”.

E naturalmente non poteva mancare il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio: «Nel referendum di ieri, ha perso l’arroganza al potere che abbiamo visto in questi anni, da cui impareremo tante cose nella formazione del nostro programma di governo e nella formazione del nostro governo. Noi da domani siamo al lavoro per creare il programma e la squadra del futuro governo del MoVimento 5 Stelle. Da domani cominceremo a coinvolgere le migliori energie, i migliori entusiasmi e le persone libere che vorranno partecipare ad un’idea di Paese differente dove l’uomo solo al comando non esiste più. Sono i cittadini che governano e dove esistono le persone che in rete creano proposte che cambiano il Paese. Questa è la nostra idea di politica che si contrappone a quell’idea che è finita con questo referendum. Non vogliamo coinvolgere solo quelli che hanno votato no, ma anche quelli che hanno votato Sì. Si sentano partecipi del cambiamento di questo Paese che vogliamo realizzare nei prossimi mesi e spero il prima possibile con le future elezioni politiche. Condivido con voi il mio intervento nella conferenza stampa di ieri sera».

E infine uno stabiese trapiantato nel Vesuviano, Tonino Scala: «Abbiamo la Costituzione più bella del mondo, oggi ha vinto Lei! E ora costruiamo la Sinistra».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE