Sono svolti in un clima di protesta i funerali di Giuseppe Di Marzo ucciso da un colpo di pistola nella notte tra il 23 ed il 24 dicembre. A sparare è stata la pistola del noto imprenditore di Pomigliano d’Arco, Vincenzo La Gatta. Il 47enne si trova ai domiciliari in attesa già oggi della decisione del Riesame. Il 47enne ha riferito che il colpo sarebbe partito per sbaglio.

Foto: Il Mattino online

Stamattina ai funerali, i familiari della vittima hanno esposto uno striscione: “Noi non ci fermeremo, chiediamo giustizia per Giuseppe”, recitava. Il 35enne pregiudicato è stato trovato l’indomani nella zona di Pratola Ponte con un pallottola conficcata nella tempia.