Travolge donna che sta attraversando la strada, a Poggiomarino è caccia al pirata della strada


2558

Ancora un “pirata della strada” a Poggiomarino: ancora una vittima, per fortuna rimasta “soltanto” ferita, che non ha potuto vedere negli occhi la persona che l’ha investita. È l’ennesimo episodio negli ultimi mesi a Poggiomarino, dove purtroppo il numero troppo basso di telecamere di videosorveglianza sul territorio consente troppo spesso a questi delinquenti di farla franca.



ambulanza donna investita

È successo di nuovo, insomma, stavolta in via Enzo Giuliano, luogo tra l’altro in cui il mese scorso si era verificato uno scippo con strappo ai danni di un’anziana che ha riportato la frattura del femore. In questo caso non c’entrano i furti e la vittima è più giovane: è una donna di 45 anni M. A. A., che stava tornando a casa e che mentre attraversava è stata travolta appunto da un autoveicolo. Per fortuna la malcapitata si è resa conto che quella macchina non si sarebbe fermata, ed ha affrettato il passo finendo per essere colpita su un fianco: un “corsetta” disperata che ha evitato conseguenze ben peggiori, anche se è uscita comunque malconcia dal sinistro stradale.

Dopo essere stata colpita, infatti, la 45enne è caduta violentemente a terra perdendo anche i sensi. È stato il figlio a sentire un forte rumore a pochi passi da casa, ed una volta uscita ha visto la mamma a terra. L’ha presa e l’ha caricata nella sua utilitaria trasportandola in ospedale, mentre la donna che ormai aveva ripreso i sensi lamentava dolori e perdeva sangue. I due sono arrivati in pochi minuti all’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno, dove alla vittima del pirata della strada sono state diagnosticate una lesione ossea ad un gomito e lo schiacciamento di alcune vertebre che costringeranno M. A. A. a portare ancora a lungo un collarino ortopedico.

Inoltre, sempre in ospedale, le sono state suturate diverse ferite lacero-contuse e curati numerosi ematomi sparsi per il corpo. Una volta lasciato l’ospedale è stata sporta denuncia presso la locale stazione dei carabinieri con i militari dell’Arma che naturalmente brancolano nel buio. Il fatto è accaduto quando ormai era già calata la sera, in un’arteria senza alcuna telecamere di videosorveglianza e davanti a nessun testimone. Inoltre la stessa donna non ricorda e né ha potuto prendere nota, ovviamente, del tipo di vettura, figurarsi poi della targa del veicolo di cui non ha saputo nemmeno riferire del colore.

Insomma una situazione difficile e dove è probabile che l’ennesimo pirata della strada possa farla franca nonostante le pesanti conseguenze fisiche riportate dalla malcapitata che ora ha fatto ritorno a casa per una riabilitazione che si annuncia tuttavia lunga e molto dolorosa.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE