Il gip del tribunale di Napoli ha emesso 8 misure cautelari nell’ambito dell’indagine sui rapporti tra il clan di Torre Annunziata dei Tamarisco e la cosca calabrese Pelle-Vottari di San Luca. L’indagine che ha portato ai provvedimenti è una tranche dell’inchiesta che ad aprile scorso ha già portato all’arresto dei fratelli Domenico e Bernardo Tamarisco e al sequestro di beni del gruppo criminale.

I destinatari della nuova ordinanza sono i fratelli Bernardo e Domenico Tamarisco, considerati i capi dell’omonimo clan, insieme al cognato del secondo Vincenzo Langiano e a Vincenzo Barbella, Salvatore Civale e Michele Pagano, tutti residenti a Torre Annunziata. In manette anche Francesco Pelle e Antonio Bartolo, quest’ultimo unico che era ancora a piede libero, entrambi di San Luca in provincia di Reggio Calabria.