Striano, morì per diagnosi sbagliata: alla sbarra medico e direttore sanitario


2662

Morì, secondo l’accusa, perché nessuno si rese conto di una matassa maligna che aveva alla testa, una neoplasia che poi diventò inoperabile e che portò alla morte di Giuseppe Sorvillo, un uomo di Striano che perse la vita nel 2014. I familiari denunciarono tutto ai carabinieri della locale stazione, parlando di un caso di malasanità.



malasanita1

E secondo la procura di Nocera Inferiore le basi per parlare di un errore medico ci sono tutte: a processo, infatti, sono finiti una radiologa del centro diagnostico “Serafino” di Scafati ed il direttore sanitario della struttura, accusati di non avere centrato la grave situazione clinica del paziente, che soltanto dopo mesi ebbe un malore e fu ricoverato all’ospedale di Caserta, dove però morì in quanto arrivò nel nosocomio soltanto quando la situazione era precipitata.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE