Scontri CasaPound, denunciato 43enne di Poggiomarino: aveva coltelli, pistole e tirapugni


1552

Insieme ad altri attivisti del centro anarchico “Vesuviano” di Ercolano, il 31enne Vittorio Sacchi, di Napoli, studente, si era rifugiato all’interno del circolo sin dalla tarda mattinata dopo uno scontro avuto con alcuni appartenenti al movimento Casapound. Poi, per sottrarsi all’identificazione, sono usciti dallo stabile di corsa, travolgendo anche un militare.



scontri-casapound

In quel frangente vittorio sacchi è stato bloccato dai carabinieri della compagnia di Torre del Greco, che lo hanno tratto in arresto per resistenza a un pubblico ufficiale. È stato portato ai domiciliari e attende il rito direttissimo. Nello stesso contesto sono stati bloccati e denunciati due attivisti anarchici: si tratta di un 34enne di Ercolano che risponderà di oltraggio a pubblico ufficiale perché ha proferito frasi ingiuriose nei confronti dei Carabinieri e di un 24enne di Pozzuoli che risponderà di resistenza a Pubblico Ufficiale.

Quest’ultimo è stato anche trovato in possesso di 2 grammi circa di hashish e decine di giornali di matrice anarchica, posti sotto sequestro. La perquisizione del circolo ha portato a rinvenire 7 mazze di ferro o legno, ginocchiere e materiale propagandistico (bandiere), il tutto posto sotto sequestro, così come l’immobile.

Anche l’affittuario di quello stabile è stato denunciato per detenzione di oggetti atti ad offendere. È un 29enne di Ercolano. Una serie di perquisizioni domiciliari svolte a carico di alcuni soggetti appartenenti al movimento politico Casapound, inoltre, ha portato alla denuncia di altri 2 soggetti: un 43enne di Poggiomarino, trovato in possesso di 2 coltelli, un tirapugni, un manganello, una pistola a piombini e materiale propagandistico di Casapound; un 20enne di Torre del Greco, trovato in possesso di una mazza da baseball chiodata, un manganello, 7 coltelli, una stella ninja e materiale propagandistico di Casapound. Entrambi risponderanno di porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE