Presa la banda dei ladri rom violenti: s’indaga su “colpi” a Ottaviano, San Gennaro e Boscoreale


3213

Li hanno colti praticamente in flagranza di reato mentre fuggivano dopo aver tentato di rubare in un’abitazione di Grumo Nevano. Sono 5 i rom arrestati dai carabinieri di Giugliano, del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna, di Casoria e della compagnia Vomero impegnati in operazioni di contrasto a furti e rapine in abitazioni.



blitz-carabinieri-notte

Tutti sono pluripregiudicati e domiciliati nei campi rom dei quartieri partenopei di Scampia e Secondigliano. Dovranno rispondere di tentato furto aggravato in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale, possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli e danneggiamento di autovettura militare.

I militari li hanno sorpresi e bloccati mentre stavano tentando di introdursi nell’abitazione di una 43enne. Dopo essere stati scoperti, i 5 hanno tentato di fuggire a bordo di un’Audi e non hanno esitato a speronare un’auto dei carabinieri facendo retromarcia. Bloccati e perquisiti, i malviventi sono stati trovati in possesso di un’ascia di ferro, cacciaviti, pali di ferro, una pistola scenica privata del tappo rosso, scaldacollo, cappelli e guanti. L’auto è stata sequestrata

A quel punto sono scattate perquisizioni nel campo rom di Napoli Scampia, dove i carabinieri hanno rinvenuto, tra i rifiuti, una carabina ad aria compressa rubata a fine ottobre a Castelvolturno. I 5 rom sono stati arrestati e portati nel carcere di Poggioreale in attesa dell’udienza di convalida. Intanto i carabinieri indagano su “colpi” simili avvenuti nei mesi scorsi tra San Gennaro Vesuviano, Ottaviano e Boscoreale, quando i militari dell’Arma si misero sulle tracce dei ladri senza riuscire a bloccarli. Dalle descrizioni, i soggetti potrebbero essere gli stessi catturati nella notte.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE