Picchia la compagna a sangue e le spezza un dente, arrestato 49enne a Nola

985

Nella serata di ieri poliziotti di Nola hanno arrestato un cittadino extracomunitario di origini algerine. L’uomo O. M. di 49 anni si è reso responsabile dei reati di maltrattamento in famiglia, lesioni e resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Il personale del commissariato di Nola, a seguito di una segnalazione al 113 per lite in famiglia è giunto il via Polveriera.



Sul posto gli agenti hanno avuto modo di accertare che poco prima l’algerino aveva aggredito la convivente, una cittadina tunisina di 50 anni alla presenza del figlio 27enne. La malcapitata presentava numerose lesioni al volto e la perdita dell’incisivo superiore destro. La stessa riferiva di essere stata aggredita e minacciata di morte dal suo convivente che le aveva persino afferrato la gola con l’intento di soffocarla.

I poliziotti, entrati nell’abitazione, hanno dovuto sedare un’ulteriore lite scaturita tra l’arrestato ed il figlio della malcapitata che aveva tentato invano di difendere la madre. Nella circostanza gli agenti venivano aggrediti e minacciati dall’algerino e un poliziotto riportava lesioni guaribili in 7 giorni. O. M. intanto è stato portato al carcere di Poggioreale.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE