Pazienti col femore rotto lasciati a “marcire” 15 giorni: Striscia va all’ospedale di Boscotrecase


962

Nel servizio andato in onda ieri sera Luca Abete è tornato ad occuparsi di malasanità in Campania. All’ospedale di Boscotrecase alcuni pazienti ricoverati nel reparto di Ortopedia restano per giorni nei letti in attesa di un’operazione che sembra non arrivare mai. Le immagini girate all’interno dell’ospedale dalle telecamere di Striscia parlano chiaro. CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO



striscia-ospedale-boscotrecase

Pazienti allettati anche per più di 15 giorni, con ossa rotte e, in alcuni casi, fasciatura sbagliate, dimenticati nelle stanze senza sapere quando verranno sottoposti alla necessaria operazione. Ha dell’incredibile la storia raccontata da una signora anziana, che, provata dalla sofferenza, confida di essere stata condotta per ben due volte in sala operatoria, senza però essere operata a causa di disguidi di varia natura.

Abete è andato così a chiedere delucidazioni al direttore sanitario del nosocomio, il quale ha dapprima minimizzato la gravità della situazione, per poi ammettere delle difficoltà derivanti dall’insufficienza del personale. Dopo la consegna della consueta “pigna in pegno” e la lettura della frase in rima associata, il dirigente si è impegnato a trovare a stretto giro una soluzione per risolvere questo grave inconveniente.

Questo il messaggio apparso sulla pagina Facebook di Luca Abete: «Mi chiedo: ma il direttore sanitario dell’ospedale di Boscotrecase, cosa direbbe se un suo familiare stesse immobilizzato su un lettino per 15 giorni in attesa di un intervento che, dice, andrebbe fatto invece in 48 ore? I poveri nonnini con il femore rotto meritano rispetto e cure immediate: vanno in ospedale per curarsi, non per rischiare la vita! E mentre i nostri politici si scannano per convincerci a votare Sì o No, gli italiani soffrono e chiedono aiuto a Striscia la Notizia perché non sanno più a chi rivolgersi».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE