Camorra, sgomberate le 60 case “patrimonio” del boss vesuviano Francesco Casillo


5583

Aveva investito nel “Mattone” ed a finire nei guai è però anche la povera gente che si è ritrovata senza casa. Quelle costruzioni a Vitulazio, nell’Alto Casertano, appartenevano infatti al patrimonio del sanguinario boss vesuviano Francesco Casillo ed alla sua famiglia. Cemento su cemento messo su con i soldi del clan Aquini-Annunziata di Boscoreale e finite dunque nel mirino della legge.



casillo

Ieri mattina le forze dell’ordine sono andate a Vitulazio ed hanno sgomberato i 60 appartamenti già ceduto, dove all’interno vivevano delle famiglie preventivamente avvisate. Il sequestro ai danni del ras della camorra vesuviana è però più ampio: sempre in zona, infatti, ci sono abitazioni già finite e altre in via di realizzazione su cui il Gico della Guardia di Finanza ha apposto i sigilli già nel 2014, così come per le case oggetto della sgombero.

Sotto chiave è finito insomma un patrimonio da 10 milioni di euro, mentre intanto le famiglie sgomberate si sono dichiarate estranee alla criminalità organizzata e sostengono di aver provveduto ad acquistare questi alloggi tramite una regolare compravendita presso un’agenzia immobiliare di Boscoreale. Intanto hanno fatto scattare un ricorso.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE