Saviano, ok a 46 nuovi immobili in area agricola: scoppia il caos

910

Affondo di agronomi, dei tecnici dell’Istituto nazionale di urbanistica e di Legambiente riguardo le delibere di variante al Prg del Comune di Saviano, approvate in piena estate, che prevedono l’ampliamento di impianti produttivi realizzati su suoli agricoli e preesistenti al Prg comunale (anno 2005) e la costruzione di 46 nuovi immobili su una vasta area ad alta vocazione agricola di pregio.



saviano

È quanto emerge dalle recenti audizioni promosse, a fine settembre dall’Ente comunale sulle proposte di varianti urbanistiche riguardano in particolare l’errata applicazione del Piano casa, la necessità di procedere alla valutazione strategica ambientale per l’assenza di infrastrutture primarie e di un piano di urbanizzazione relativo alle aree interessate; l’assenza di verifiche di vincoli di natura idrogeologica; ulteriore consumo dei suoli.

«Come sempre l’attività edilizia a Saviano – commentano Giuseppe Allocca e Nicola Fortunato dell’associazione Frastuono – il secondo intervenuto anche all’incontro in rappresentanza della consulta ambientale comunale viene svolta senza un minimo di progettualità e al limite dei profili normativi. La scelta di edificare in via Ponte di Sirico è un errore strategico perché non asseconda alcun bisogno di espansione costruendo in zone non urbanizzate. Non favorisce di fatto processi di valorizzazione e di rigenerazione territoriale urbanistica né si risolvono i problemi delle zone degradate ma si sottrae altro suolo solo a discapito della vocazione agricola del nostro territorio e della salvaguardia ambientale. Non ci è chiaro alla luce delle osservazioni tecniche sollevate – concludono – come il Comune non abbia proceduto ad una verifica più puntuale».

«L’uso razionale e sostenibile del suolo resta una priorità del nostro impegno –  commenta a latere Vincenzo Peretti portavoce dei Verdi per la Campania – già ad agosto avevamo espresso le nostre riserve ed ancor più oggi anche alla luce dei rilievi tecnici emersi nelle audizioni svoltesi al Comune. Siamo vicini ai cittadini ed ai simpatizzanti che lavorano quotidianamente per affermare e difendere uno sviluppo sostenibile del nostro territorio». Anche il Movimento 5 Stelle resta nell’attesa di conoscere cosa succederà dopo l’avvenuta formalizzazione al Comune delle riserve espresse in occasione delle audizioni comunali.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE