I primi 20 anni della rete PuntoPro: il presente è futuro anche nell’area vesuviana


268

Come una “festa di famiglia” per celebrare vent’anni insieme, vent’anni di successi, vent’anni di traguardi: partendo dall’inizio, dal 1996, quando Giorgio Giavarra cominciò a “disegnare” il network PuntoPro. Il 30 settembre al Palacongressi di Rimini dove si è tenuto l’appuntamento della rete di officine Groupauto, c’erano davvero tutti. A cominciare proprio dall’ideatore, quel Giorgio Giavarra salutato dalla folta platea con una vera e propria ovazione. Gran cerimoniere della giornata il presidente di Groupauto Italia, Domenico De Vivo, che ha ripercorso gli ultimi 4 lustri, costellati da grandi soddisfazioni “certificate” dai numeri, ma guardando al futuro.



Quel presente-futuro che sarà ancora di più fiore all’occhiello di Groupauto e della rete di officine PuntoPro. Geniale la riproposizione di una “vecchia” intervista fatta a Giavarra che spiegava gli intenti, gli scopi, i traguardi che si prefigggeva la rete PuntoPro. Quegli stessi coi quali il network si è espanso in maniera costante e sempre con le sue caratteristiche: un agglomerato di professionisti sempre all’avanguardia con le nuove tecnologie, sempre pronti e preparati nel mettere le mani su un veicolo, sempre al fianco della massima qualità dei prodotti e dell’efficienza, sempre costantemente formati perché l’auto si affianca sempre più all’innovazione tecnologica del futuro.

Esattamente le stesse “caratteristiche” che il presidente De Vivo ha ricordato alle oltre 1.300 autofficine, annunciando però altri importanti traguardi per il presente-futuro. Come la nuova versione del sistema gestionale Promek. Atteso da anni Evolution, questo il suo nome, consentirà agli autoriparatori ancora più efficienza e competenze nella gestione del lavoro di riparazione e in quello della propria officina. Calcando lo slogan dell’evento “Passione, Energia, Professionalità e… non solo”, sul palco del Palacongressi di Rimini si sono alternati i “pezzi da novanta” della rete PuntoPro e anche di Goupauto, Ias e Arval.

Ma il clou della serata è stato Robert Stevens, a capo del nuovo strategico progetto telematico di Groupauto. L’intento è quello di “strappare” alle case automobilistiche il “potere” di obbligare l’automobilista a rivolgersi a loro per ogni problematica o obbligo previsto. Un dispositivo telematico che consenta all’automobilista di essere costantemente informato sulle problematiche sorte sul proprio veicolo e di rivolgersi tranquillamente alla propria officina di fiducia, che sarà in grado di affrontare e risolvere il problema perché sarà un professionista costantemente formato e aggiornato sulla risoluzione dei problemi.

Non sarà una “battaglia” facile quella intrapresa da Groupauto, ma il team di lavoro capitanato da Stevens è in grado di elaborare la migliore soluzione per mettere l’automobilista al riparo da spiacevoli sorprese o, diciamolo pure, da veri e propri soprusi perpetrati dalle case costruttrici degli autoveicoli. La nuova sfida del futuro è questa, il prossimo fiore all’occhiello di Groupauto sarà proprio quello di consentire all’automobilista di sentirsi libero totalmente di affidare la propria vettura nelle mani del suo autoriparatore, senza preoccuparsi di eventuali “ritorsioni” da parte di chicchessia.

puntoprorimini

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE