Bando pubblico da oltre un milione di euro a Poggiomarino per affidare il servizio di conferimento della frazione organica umida, dei rifiuti biodegradabili prodotti da giardini e parchi provenienti dalla raccolta differenziata, e dei rifiuti solidi urbani in impianti di compostaggio. Insomma, la città vesuviana prova a fare un altro salto in avanti dal punto di vista ecologico, facendo in modo di rendere riutilizzabile i rifiuti separati.

poggiomarino

Il quantitativo di rifiuti oggetto del servizio è stimato in circa 2.810 tonnellate ogni anno, suscettibili di incremento o di riduzione in funzione dell’intensificazione della raccolta differenziata ed inoltre dell’incentivazione del compostaggio domestico. Il contratto di appalto ha una durata di mesi 36, tre anni, a decorrere dalla stipula del documento dopo l’affidamento. L’importo per l’intero periodo contrattuale è di euro 1.079.415,00, compresa Iva al 10% e oneri per la sicurezza in euro 15mila di cui 967.650 euro per conferimento rifiuti; 15mila per costi della sicurezza non soggetti a ribasso.

L’importo è calcolato sulla base del servizio preventivato che potrà subire delle variazioni in più o meno secondo la produzione delle utenze. I quantitativi conferiti saranno accompagnati da documento di identificazione del rifiuto, con l’indicazione dei pesi stimati per ciascuna tipologia. I pesi riscontrati dovranno essere puntualmente riportati sulla copia del documento di trasporto.

Se l’impianto indicato in sede di offerta non è ubicato nella Regione Campania, il trasporto alla sede dell’impianto è effettuato a cura e spese dell’appaltatore che deve disporre di una piattaforma autorizzata, secondo la normativa vigente, di stoccaggio per i rifiuti oggetto della gara. Ci sarò tempo fino alle 12 del 21 novembre per potere presentare l’offerta da parte delle aziende interessate.