Poggiomarino combatte la Terra dei Fuochi, pneumatici usati gratis in isola ecologica

452

Sterzata forse decisiva per ridurre quantomeno il deposito di pneumatici usati nel territorio di Poggiomarino, ed anche, perché no, di altre città dell’area vesuviana. Palazzo De Marinis è infatti riuscito a chiudere un accordo a costo zero con il Consorzio Ecopneus, che si occupa appunto di raccogliere e riciclare le gomme usate e deteriorate: una vera e propria novità per un territorio dove sono tonnellate le vecchie ruote di veicoli disseminate ovunque nelle aree verdi e nelle strade, così spesso accade addirittura nella zone in prossimità dei centri cittadini.



pneumatici-carabinieri

Il motivo di questo sversamento incontrollato? Molto semplice, gli altissimi costi di smaltimento per questa tipologia di scarto che possono arrivare addirittura fino ad otto euro per ognuno dei singoli pneumatici da cambiare e da mandare al macero. Insomma, è chiaro, purtroppo, che sostituire un set di gomme poteva essere più costoso di oltre trenta euro rispetto alla norma e che certamente qualche officina evita di fare pagare la sovrattassa per tenersi il cliente, cercando poi metodi “alternativi” quanto inquinanti e criminali per evitare di sborsare il balzello.

E da qualche giorno, però, a Poggiomarino potrebbe essere tutto risolto, poiché il Consorzio Ecopneus, dietro alcun compenso da parte del Comune e nessun costo per chi deposita, ritirerà le gomme usurate presso l’isola ecologica di via Ceraso. Il compito di ritirare i tanti pneumatici è della Multyservices di Palma Campania, che gestisce il sito poggiomarinese. E da adesso gommisti, meccanici, altri professionisti e semplici cittadini potranno andare presso la struttura di via Ceraso per portare le vecchie ruote, che poi verranno messe in un apposito cassone da consegnare infine al Consorzio.

In tal senso il sindaco di Poggiomarino, Leo Annunziata, ha emanato un’apposita ordinanza di conferire in isola tutti i vecchi pneumatici. Un modo che potrebbe funzionare nella lotta per ridurre la piaga “Terra dei Fuochi vesuviana”.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE