Paga 20mila euro per un prestito di 7 mila: imprenditore palmese fa arrestare strozzino di Carbonara

250

Un imprenditore in difficolta economiche all’inizio del 2015 chiede un prestito di 4.000 euro a un 50enne già noto alle forze dell’ordine di Palma Campania. L’accordo è chiaro: la cifra dovrà essere restituita a 600 euro al mese. Dopo qualche mese l’imprenditore è costretto a chiedere un secondo prestito, stavolta 3.000 euro. In questo caso dovrà versare ogni due mesi 900 euro.



Insomma, dall’inizio della storia alla conclusione, circa un anno e mezzo, il malcapitato sborsa 20.000 euro a fronte di prestiti per 7.000. A inizio 2016 il 50enne lo convoca nel suo garage per una nuova pretesa: 500 euro al mese “per i carcerati” e per la “protezione della famiglia del debitore”, soldi che il malcapitato paga fino a maggio, poiché a giugno e per il futuro le pretese aumentano ancora.  E lo strozzino lo comunica all’imprenditore infilando platealmente una pistola nella cintola dei pantaloni: da allora in poi il “contributo previdenziale” ed “assicurativo” sarà di 1.000 al mese.

I militari dell’Arma avevano notato movimenti sospetti del 50enne e avevano cominciato ad osservarne gli spostamenti. È così che la storia finisce con i carabinieri della stazione di Palma Campania che lo bloccano per dare certezza ai loro sospetti. L’usuraio-estorsore, Giuseppe De Fraia, un 50enne di Carbonara di Nola già noto alle forze dell’ordine viene trovato in possesso di 1.000 euro, l’ennesimo pagamento della vittima.

I carabinieri ricostruiscono tutta la vicenda, trovano la pistola a casa del 50enne, si tratta una replica di semiautomatica priva di tappo rosso. L’arrestato viene tradotto a Poggioreale, mentre il gip di Nola convalida l’arresto e dispone la custodia in carcere di Di Fraia per usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso.

usura

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE