Megatruffa agli anziani a Bologna, fermata gang napoletana: arrestato un 20enne di San Gennaro

282

Da Napoli tutta a Bologna per truffare gli anziani fingendosi avvocati, carabinieri e assicuratore: decine le truffe portate a compimento nel capoluogo emiliano e numerosi i fermi ai danni di una banda partenopea composta da dieci elementi. Un caso che ha fatto clamore nell’intero Stivale e che riportato tremendamente d’attualità la fragilità dei pensionati.



L’indagine ha avuto una decisa accelerazione quando, il 13 aprile a Bologna, nel corso di uno degli innumerevoli servizi di osservazione condotti dai carabinieri per contrastare il dilagante fenomeno, venivano individuati due “collaboratori dell’avvocato”, che tentavano di farsi consegnare del contante da alcuni anziani incappati nella truffa, bloccati e tratti in arresto in flagranza di reato: Domenico Neresino di San Gennaro Vesuviano appena 20 anni; ed il suo complice Giuseppe Vincitore, 23enne di Napoli.

I Carabinieri hanno accertato che il gruppo di criminali aveva un metodo consolidato per raggirare persone anziane e sole: contattavano telefonicamente le vittime e, per carpire la loro buona fede, si spacciavano come avvocati ed assicuratori, paventando il rischio del carcere per un parente dell’anziano, evitabile solo dietro il pagamento immediato di una somma, qualificata come premio assicurativo.

Anziano-truffato

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE