Cava Ranieri, sit-in degli attivisti per chiedere la valorizzazione del sito storico


186

Si è tenuto questa mattina l’annunciato sit-in degli attivisti Pro Parco Archeologico, Geologico e Naturalistico a Cava Ranieri a Terzigno. I manifestanti – liberi cittadini e membri di comitati e associazioni – hanno esposto striscioni fuori al sito archeologico e hanno effettuato un sopralluogo dove sono state interrate a insaputa della popolazione due ville romane del II a.C..



Un’operazione che preoccupa per le modalità con le quali è avvenuta, senza fare informazione, e che deve spingere i cittadini ad essere vigili e attenti sul proprio patrimonio per non subire passivamente le decisioni dall’alto. Alla manifestazione era stato invitato il sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, che però non ha partecipato, allargando in questo modo la frattura con la cittadinanza attiva e con chi porta avanti da tempo la battaglia per Cava Ranieri.

Per Gennaro Barbato, studioso archeologo del Comitato Civico Vesuviano, è importante partire dall’esproprio della Cava prima di parlare della realizzazione del Parco Archeologico, Geologico e Naturalistico. Inoltre la cifra spesa per interrare le ville, 70mila euro, sembra spropositata e poteva essere impiegata per proteggere “Villa 1” con una tettoia e renderla visitabile, così come accade in molti altri luoghi, ma si è preferito interrare tutto.

«L’interramento delle ville di Cava Ranieri è avvenuto a totale insaputa dei cittadini” ha dichiarato Barbato: “Se è vero che si tratta di un’operazione di tutela e di salvaguardia delle ville predisposta dalla Soprintendenza di Pompei è anche vero che la cifra impiegata, 70mila euro, sarebbe bastata ampiamente a sistemare la copertura di Villa 1 e a renderla visitabile: era questa la battaglia da fare” ha dichiarato Gennaro Barbato, che ha inoltre invitato i cittadini di Terzigno a mobilitarsi perchè “altrove ci si opporrebbe in massa per difendere un patrimonio».

Ad accompagnare gli attivisti c’era anche Francesco Servino, direttore de “Il Cactus Giornale”, inizialmente interpellato dal sindaco di Terzigno come intermediatore culturale pro bono per Cava Ranieri e per la mostra con i reperti terzignesi da allestire nella Città del Fanciullo e poi estromesso dal suo ruolo: nei giorni scorsi gli ha scritto una lettera aperta chiedendogli spiegazioni per lo strano comportamento.

«Il sindaco Ranieri confonde i cittadini propositivi con gli oppositori politici – ha dichiarato Servino – lo si evince quando parla di “attacchi” e di critiche alle quali non intende replicare in riferimento a chi ha condotto per anni lotte in difesa del patrimonio archeologico e ambientale nel territorio in anche lui vive e senza le quali, probabilmente, non si sarebbero mai create le condizioni per le quali oggi amministra. Lo invito a rendere trasparente ogni singola operazione riguardante il (futuro?) Museo di Terzigno e il Parco Archeologico di Cava Ranieri: l’interramento delle ville all’insaputa di tutti e il mio allontanamento sono il segnale preoccupante di un agire poco chiaro».

Hanno aderito alla manifestazione i consiglieri di opposizione Tina Ambrosio e Maria Grazia Sabella che hanno assicurato il proprio sostegno dichiarando: «Da amministratori comunali sentiamo il dovere di fare chiarezza su questa storia delle ville romane, sia per salvaguardare il patrimonio artistico-culturale di Terzigno, sia per informare i cittadini sulle vicende che riguardano così da vicino il proprio territorio. Terzigno è un paese che va valorizzato in tutte le sue caratteristiche, e noi non possiamo restare a guardare».

sit-in-cava-ranieri

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE