Addio Michele, arriva la struggente lettera dei genitori del 17enne: «Ciao angelo bello»


13609

San Gennaro è ancora in lacrime per la morte di Michele Palma, avvenuta dopo quaranta giorni di agonia in seguito ad un incidente. Ed a rendere ancora più forte il dolore e la commozione è arrivata la lettera di mamma Rosaria e papà Mario, una missiva rivolta al figlio diventato angelo in cielo ma anche a tutte le persone che gli sono state vicine nel momento del ricovero in ospedale ed in questi giorni di lutto, verso un dolore che probabilmente non si ricucirà più.



michele-palma-3

«In una sera come tante, nostro figlio alle 22,15 esce di casa con la voglia di divertirsi con i suoi amici come sempre. Alle 23,30 il suono del citofono che ci comunicavano che Michele era in ospedale… Parlavano di semplice rottura al naso! La corsa in ospedale, l’attesa e poi l’inizio di una lunga degenza in ospedale durata ben 41 giorni. Ansia e ansia ancora, al momento del colloquio, al momento della visita… La paura di quella telefonata maledetta che arrivò il 07 ottobre, alle 6,30: “sarebbe opportuno che veniste, Michele ha avuto delle complicanze” è la fine, una tragedia… Michele era già volato al cielo! In questi 41 giorni, amici, parenti, conoscenti, paesani ci sono stati vicini come mai avremmo immaginato. Pronti ad aiutarci per qualsiasi cosa, sempre pronti a darci una parola di conforto… Hanno pregato e sperato insieme a noi… Hanno vissuto l’ansia dell’attesa accanto a noi, senza mai mollarci. Ed ora ci sentiamo in dovere di ringraziare ad uno ad uno di tutto… Grazie e ancora grazie da Mario e Rosaria, genitori dell’angelo più bello del paradiso, Michele».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE