In collaborazione con l’Anas che ha garantito il necessario supporto, anche al fine della disciplina del traffico, il sindaco ha programmato e fatto attuare la rimozione dei rifiuti al km 2+200 della Statale 268 del Vesuvio. Quintali di sacchetti e materiale sparso di ogni tipo, illecitamente depositato lungo la statale e nell’area di sosta sono stati raccolti e portati nelle discariche apposite, consentendo agli operatori di effettuare il successivo spazzamento e pulizia. Completamente liberata dai rifiuti, la piazzola di sosta è stata chiusa al fine di evitare il ripetersi dei depositi illeciti. L’Anas, riconoscendo all’Ente un ruolo attivo, ha scritto al sindaco «confermando apprezzamento per il rinnovato senso civico».

«Siamo intervenuti in virtù di una buona sinergia con l’Anas. Speriamo di aver risolto un grave problema – afferma il presidente del consiglio comunale, Mario Gifuni – di depositi illeciti di rifiuti, per la maggior parte effettuati da gente di paesi limitrofi o da chi ha questa “strana” abitudine di mettere in auto i rifiuti per poi scaricarli lungo il proprio tragitto. Questi gesti di irresponsabili non solo arrecano danni di vario genere, ma aumentano la pericolosità della strada stessa. Noi abbiamo fatto la nostra parte, ora spetta all’utenza rispettare le norme e dimostrare di aver compreso il messaggio chiaro che abbiamo dato».

«L’intenso traffico che interessa questa statale dovrebbe far innalzare il senso civico degli utenti, ma abbiamo registrato comportamenti contrari, con sversamenti illeciti specie nelle piazzole deputate alla sosta. L’intervento che è stato programmato e portato a compimento – dice il sindaco Lello Abete – dovrebbe scoraggiare il deposito di rifiuti ed aumentare la sicurezza della 268 nel tratto che interessa il nostro paese. Ci siamo mossi con rapidità e continueremo a farlo in attesa del raddoppio delle corsie, che resta l’obiettivo prioritario».

pulizia 268