Nel suo bar “Mama Cafè”, Massimo Di Martino, un 38enne di Pompei, aveva manomesso il contatore elettrico mediante l’installazione di un teleinterruttore, un dispositivo che può sia attivare che interrompere i flussi di corrente. Così impediva la registrazione dei consumi di energia.

Se ne sono accorti i carabinieri dell’aliquota radiomobile di Castellammare durante i controlli. L’uomo è stato tratto in arresto per furto aggravato e continuato di energia elettrica. Adesso attende il rito direttissimo.

furto corrente