“Bomba” sul caso de duplice omicidio dei fidanzati di Pordenone. A lanciarla è il settimanale “Giallo”, che pubblica parte degli interrogatori di Rosaria Patrone, la fidanzata – ormai ex – di Giosuè Ruotolo, in carcere con l’accusa di avere ucciso Trifone Ragone e Teresa Costanza. E secondo quanto riportato dal settimanale la posizione della giovane, che ha chiesto il patteggiamento, si aggraverebbe ulteriormente.

Rosaria Patrone avrebbe infatti riferito a Giosuè che Trifone sarebbe entrato in possesso di alcune sue foto intime, immagini che avrebbe reperito in qualche modo attraverso internet. Il motivo di questa bugia? Al momento è ignoto, se non quello di mettere in cattiva luce il commilitone agli occhi del fidanzato, una pista che chi indaga ha seguito a lungo.

Secondo gli investigatori, infatti, Rosaria temeva la fama di playboy di Trifone per paura che potesse coinvolgere anche Giosuè in qualche “serata particolare”. La studentessa di Somma Vesuviana, inoltre, si sarebbe anche inventata, sempre secondo il settimanale, una flirt tra Trifone ed una soldatessa e che lo stesso Ragone sarebbe poi andato a Somma Vesuviana con l’intenzione di aggredire Rosaria.

rosaria-giosue-2