È il sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, ad aprire questa settimana le danze in SocialPolitik. Il sindaco sogna, sogna un futuro diverso per la sua città, magari fortemente basato sul turismo, quello storico. Il primo cittadino è tornato nelle Ville del territorio tuttora “sepolte” auspicando un avvenire diverso: «La storia siamo noi. Villa numero 2 – scrive – è fantastica».

Più lungo il pensiero della fascia tricolore di Somma Vesuviana, Pasquale Piccolo: «Dopo quasi 10 anni ritorna la Festa Patronale di San Gennaro, lo comunico con grande piacere e con un pizzico di orgoglio perché è stata da me fortemente voluta. Con l’aiuto di alcuni imprenditori locali e dei membri dell’amministrazione realizzeremo tre serate di cui vi daremo dettagli a breve. È solo un augurio, un piccolo segnale affinché a partire dall’anno prossimo si possano riattivare i meccanismi che per anni ci hanno consegnato la “festa del paese”. L’associazione che si è costituita rilascerà regolare ricevuta a chi vorrà contribuire, pertanto vi raccomando di non consegnare contribuiti a nessuno al fine di evitare inganni e speculazioni».

Infine SocialPolitik ritorna da dove era partita con il primo numero: un’uscita nel cuore di Napoli delle due assessore di San Gennaro Vesuviano, Ornella Manzi e Mariagrazia Nappi. Due presenze quasi fisse nella nostra rubrica e che si ritrovano con un selfie nel capoluogo. “Ritrovarsi a Napoli”, scrivono come didascalia dell’immagine.

ranieri villa manzi nappi