«L’ordinanza del sindaco di Palma Campania, che ha deciso di vietare anche per usi agricoli, l’acqua dei pozzi perché sono stati riscontrati livelli altissimi di inquinanti, nichel in particolare, ripropone la necessità di un controllo approfondito delle falde acquifere in tutte le zone dove ci sono discariche abusive e non». Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il portavoce regionale del Sole che ride, Vincenzo Peretti.

«Il monitoraggio non può essere occasionale, ma deve essere il frutto di azioni strategiche concordate ed istituzionali e, soprattutto, non si può limitare al divieto nelle coltivazioni dove, tra l’altro, l’esposizione agli inquinanti è ridotta anche per i tempi di assorbimento».

acqua palma