Omicidio dell’ucraino-eroe, quattro condanne: concesse le attenuanti ai killer


379

Sono stati condannati a venti anni di carcere ciascuno i presunti assassini di Anatolij Korol, il muratore-eroe, ucciso ad agosto dello scorso anno per aver tentato di sventare una rapina in un supermercato a Castello di Cisterna. Il giudice del Tribunale di Nola, Giuseppe Sepe, ha condannato, in primo grado, a venti anni di carcere Gianluca Ianuale, 22enne reo confesso di aver sparato e ucciso Korol, e a venti anni di galera anche il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni.



Condannato a 20 anni di reclusione poi, pure il 50enne Emiliano Esposito, mentre è stato condannato a tre anni e quattro mesi per il 40enne Mario Ischero, accusati di complicità nell’assassinio del muratore ucraino. Il giudice ha riconosciuto ai due presunti autori dell’omicidio, Ianuale e Di Lorenzo, divenuti nel frattempo collaboratori di giustizia, le circostanze attenuanti generiche.

Anatolij Korov

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE