Funerali e matrimoni in odore di malavita, l’eliporto di Pompei è abusivo: ecco i sigilli

178

Prima i funerali del boss Casamonica a Roma, poi il matrimonio del figlio del boss della ‘ndrangheta a Nicotera, vicino Catanzaro. Tutto con elicotteri partiti dall’eliporto di Pompei, che si scopre oggi essere abusivo. A riportare la notizia è l’edizione online de Il Mattino. Proprio in queste ore la polizia municipale sta apponendo i sigilli alla struttura.



Secondo quanto scrive Il Mattino gli illeciti contestati sono «il mancato cambio di destinazione d’uso dell’area agricola adibita ad eliporto senza le dovute autorizzazioni; una struttura abusiva utilizzata per ufficio ed un pozzo artesiano illegale». Intanto restano indagati i due elicotteristi di Pompei che hanno partecipato al super-matrimonio in Calabria.

elicottero

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE