Livelli altissimi di inquinati, nichel in particolare, così il sindaco di Palma Campania, Vincenzo Carbone, ha vietato con apposita ordinanza di utilizzare l’acqua dei pozzi persino per irrigare i campi agricoli. Insomma, un provvedimento durissimo e che è stato inviato anche ai vicini Comuni di San Gennaro Vesuviano, San Giuseppe Vesuviano. Poggiomarino e Striano.

Insomma, a rischio i raccolti di tutta la zona, oltre a tanta paura che naturalmente potrebbe arrivare per chi si nutre regolarmente dei locali prodotti della terra. Molti contadini, infatti, per l’impossibilità di portare acqua con autobotti o con altri mezzi, stanno continuando a violare l’ordinanza. Intanto stanno scattando analisi anche nelle località limitrofe per capire la portate del problema.

Sotto accusa finiscono ancora una volta i rifiuti: le vecchie discariche autorizzate che sono esistiti a Palma Campania, così come i tanti invasi a cielo aperto con tanto di rifiuti tuttora presenti sul territorio. Sicuramente una “ferita” da non prendere sottogamba particolarmente per un’area ancora a forte trazione agricola.

falda acquifera