Comune di Napoli: freno alle slot machine, ma in Regione è un business vorticoso

219

Le nuove tecnologie hanno cambiato il modus vivendi dell’uomo del terzo millennio. Ormai tutti possiedono un dispositivo mobile, sia esso uno smartphone o un tablet. Questi prodotti della era 2.0 sono divenuti i principali strumenti usati nel corso delle nostre giornate per coordinare molteplici attività.



Uno dei campi dove la penetrazione dei dispositivi intelligenti ha raggiunto risultati notevoli è quello del gioco online, una delle industrie emergenti dell’economia italiana. E d’altronde sono gli stessi dati a confermare tutto ciò. Infatti, nel 2015, 1,56 milioni di italiani hanno effettuato almeno una giocata sul loro device. Il tutto ha portato a un aumento della spesa complessiva del 56%. Numeri che fanno capire alla perfezione la portata del fenomeno con cui si ha a che fare e che si va a trattare.

Ma qual è il gioco che fa da traino? Senza alcun dubbio, le slot machine. Grazie a esse le casse dello Stato hanno raccolto ben 3,3 miliardi. In Italia, a farla da padrone è la Lombardia, dove si registrano il 21% delle giocate nazionali. Seguono il Lazio con il 10,3%, e il Veneto con il 9,3%. Si può notare come queste tre regioni totalizzino più del 40% del complesso nazionale. Un dato a dir poco strabiliante, che sembra come dare una caratterizzazione fortemente territoriale della questione. In realtà, non è per nulla così, come dimostra la presenza di ben 42841 apparecchi per il gioco d’azzardo in Campania.

A proposito della terra campana, va detto che in questa regione il gambling rappresenta un vero e proprio business che crea un giro d’affari da ben 9 miliardi di euro. La spesa media? 119,30 euro per cittadino. È probabilmente sulla base di questi dati che il Comune di Napoli ha deciso di applicare delle fasce orarie. Le sale giochi potranno aprire dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 18 alle ore 23. Come se si trattasse di un normale esercizio commerciale. “L’obiettivo è molto preciso: contrastare in città la crescente diffusione dell’azzardo che colpisce le fasce più deboli della popolazione e gli adolescenti, vera e propria piaga. La difesa della salute per noi è un imperativo irrinunciabile”, queste le parole dell’assessore alle attività produttive Enrico Panini. Insomma, un fenomeno in espansione e in crescita. Ma meglio avere sempre dei limiti. Eccedere non è un bene. Questa è l’opinione dell’amministrazione comunale di Napoli. Quali saranno gli effetti e i risultati di questa decisione potrà dircelo solo il tempo.

poker

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE