SocialPolitik ritorna e continua a beccare i politici locale. Il sindaco di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, riprende la sua “personale” lotta contro chi inquina: «Abbiamo ripreso i controlli sul corretto smaltimento dei rifiuti urbani. Abbiamo controllato via Passanti, via Casilli, via Ammirati. Il nostro intento resta, come sempre, quello di non reprimere bensì quello di condividere. Chiediamo la partecipazione di tutti i nostri concittadini per tenere il nostro paese sempre più pulito. Lo chiediamo anche ai cittadini extracomunitari che, se in regola, sono parte integrante del nostro tessuto sociale».

Aveva fatto discutere nei giorni scorsi la chiusura di due scuole di Sant’Anastasia per problemi di staticità. Il primo cittadino, Lello Abete, attraverso Facebook tranquillizza tutti: «Vi informo che riapriranno il plesso Santa Caterina da Siena ai Romani ed il primo piano del plesso Tenente Mario De Rosa a via Regina Margherita, mentre il secondo piano di quest’ultimo resterà ancora chiuso fino al completamento dei lavori, che è comunque previsto a breve». Fotografico, invece, il giovane esponente del centrodestra di Terzigno e coordinatore di Forza Italia, Serafino Ambrosio. L’ex candidato a sindaco si fa infatti immortalare tra l’ex governatore Stefano Caldoro e Cesaro junior.

Schiuma rabbia, infine, Luca Capasso che interviene sui lavori di restyling in città: «A chi fa polemiche inutili e, come sempre populiste, vorrei ricordare che la rivoluzione andava fatta quando sono stati sradicati alberi secolari. Le piante che stanno rimuovendo a Viale Elena non sono piante secolari e non sono ripiantabili. La scelta di sradicarle è obbligata per il proseguimento dei lavori, e nella gara d’appalto è previsto che ne verranno ripiantate di più alto fusto. Chi vuol capire capisca, li altri continuino pure a dare aria alla bocca!».

serafino