Due giorni difficili, ieri ed oggi, per chi si è trovato a percorrere la Statale 268 dei Paesi Vesuviani. Automobili costrette ad uscire e rientrare in più punti e senza molte informazioni in merito agli stop, ma con l’unica certezza di tanto, tantissimo, traffico tra le strade cittadine.

Ecco qual è l’attuale scenario. Chi percorrere la “superstrada della morte” si ritroverà in questa fase davanti a due cantieri aperti. Toccherà uscire a San Giuseppe – Poggiomarino per raggiungere Palma Campania, una deviazione che durerà fino al 30 ottobre. In questo caso, però, chi da Napoli è diretto ad Angri non troverà alcun ostacolo.

Più complesso, ma meno duraturo, il caso tra Somma Vesuviana ed Ottaviano Zona Industriale. La chiusura cominciata ieri alle 9 si protrarrà fino a dopodomani, sabato 24 settembre alle 20, quando il tratto sarà riaperto. Fino ad allora chi è diretto a Napoli deve uscire ad Ottaviano Zona Industriale, seguire le indicazioni e riprendere la Statale a Sant’Anastasia.

Chi invece va verso Angri deve uscire a Somma Vesuviana per poi risalire sulla 268 ad Ottaviano Zona Industriale. Ed è questo il pezzo di strada con maggiore traffico. Chi è pratico della zona sta scegliendo infatti di lasciare l’arteria comunque a Sant’Anastasia per poi rientrare sempre a Ottaviano Zona Industriale. Si allunga un po’ ma si risparmia notevolmente tempo.

268