Sono arrivati a minacciare lo sciopero e di lasciare il centro commerciale sporco, quasi come una discarica. È tensione, insomma, intorno al Vulcano Buono ed alla cooperativa che gestisce le pulizie nella megastruttura di Nola, dove ci sono 30 dipendenti a rischio licenziamento su un organico di appena 40 elementi.

La due parti, anzi tre considerando anche lo stesso centro commerciale, stanno cercando di trovare un accordo. Ai lavoratori è stato anche proposto di tagliarsi lo stipendio del 75%, insomma addirittura di tre quarti, per garantire la salvezza dei livelli occupazionali. Insomma, condizioni davvero impensabili a causa della riduzione di un appalto che rischia di creare non pochi problemi al Vulcano Buono.

incendio vulcano buono