È trascorso un anno dalla morte di Anatoliy Korol, l’ucraino che pagò con la vita la volontà di sventare una rapina. Supermercati Piccolo ricorda il gesto con un manifesto e con un posto sulla propria pagina Facebook: «La sera del 29 agosto dello scorso anno, nel corso di una rapina presso il punto vendita di Castello di Cisterna, era di sabato sera, un ucraino mite e perbene di nome Anatoliy Korol, mentre, avendo già fatto la sua spesa, stava uscendo dal punto vendita, non esitò a rientrarvi per difendere coloro che, all’interno del supermercato, erano stati messi sotto la minaccia di un’arma da due delinquenti di Castello di Cisterna che tentavano così una rapina».

«Anatoliy Korol si oppose con fermezza e coraggio, afferrò uno dei due rapinatori, quello armato. Animò una colluttazione nella quale, dopo una lunga resistenza, ebbe la peggio. Venne ucciso da uno dei due assassini con un colpo di pistola che partì per punirlo. I supermercati Piccolo, a distanza di un anno, non hanno dimenticato il gesto eroico ed estremo di Anatoliy. Si dia onore, stasera, alla legalità e a tutti coloro che si battono per essa. E ad Anatoliy che ha dato la vita per difenderla».

anatoliy