Ferragosto tra arte e natura per turisti e famiglie che in questi giorni si sono riversati in massa ai sentieri del Vesuvio e ai siti archeologici Vesuviani. Risultati positivi, in crescita rispetto allo scorso anno, li registra il Gran Cono del Vesuvio: nei giorni 13, 14 e 15 agosto – secondo i dati forniti dal consorzio Arte’m, ente concessionario del servizio biglietteria – sono stati staccati complessivamente 10.592 biglietti a fronte dei 8.700 dello stesso periodo dello scorso anno.

Boom di presenze ieri: 3.904 visitatori. Continua il trend positivo per i siti archeologici Vesuviani di Pompei, Ercolano, Oplonti e il Museo di Boscoreale dove nella giornata di Ferragosto – da dati della Soprintendenza – sono state in totale 16.429 le presenze rispetto alle 12.738 del 15 agosto del 2015. A Pompei dove ieri mattina l’ingresso è stato anticipato alle 8.30, per venire incontro agli alti flussi di turisti, si sono registrate ben 14.889 visite. Nel sito archeologico i turisti hanno potuto ammirare la mostra Egitto Pompei e l’esposizione permanente degli affreschi di Moregine nell’altro porticato della Palestra di recente arricchitosi con l’esposizione di reperti organici provenienti dall’area Vesuviana.

E ancora, i progetti di musealizzazione diffusa, con il riallestimento della cucina della Fullonica di Stephanus con reperti originali, e quello degli ambienti domestici della Villa Imperiale. Gli Scavi di Ercolano ieri hanno registrato 1.414 ingressi: tra i cardi e i decumani non solo turisti ma anche numerosi visitatori provenienti dalle varie regioni d’Italia con famiglie al seguito.

turisti pompei