Rissa in spiaggia con bastoni e pietre, nei guai comitiva di Palma Campania: è grave un imprenditore


212

Megarissa la notte scorsa sulla spiaggia della Marinella di Palinuro, dove undici persone si sono picchiate a sangue. Si tratta di dipendenti, sostenitori e titolari di due lidi balneari. Secondo la ricostruzione dei carabinieri della stazione di Centola, coordinati a livello territoriale dai colleghi della compagnia di Sapri, erano quasi le 5.30 del mattino quando, per futili motivi, si è scatenato un parapiglia.



Nella rissa sono rimaste coinvolte undici persone. Alcune sono finite in ospedale. Nel mezzo della zuffa sono spuntate mazze e altri oggetti contundenti. Sarebbero stati i turisti ad allertare i carabinieri. Il fatto è accaduto – secondo quanto accertato fino a questo momento dagli inquirenti – per problemi legati ai confini di proprietà delle strutture.

Un uomo di Palma Campania ha avuto la peggio e dovrà restare in ospedale per almeno tre settimane: è lui l’unico ferito grave anche se non versa in pericolo di vita. Alla Marinella sono arrivate le ambulanze del 118 che hanno trasportato i feriti agli ospedali di Vallo della Lucania e Sapri. Sul caso tocca far luce ai carabinieri che dovranno capire chi ha attaccato per prima e chi ha cercato di difendersi. Non è semplice, anche perché tutti quelli che fino a questo momento hanno parlato, avrebbero rilasciato dichiarazioni differenti.

Tutti i partecipanti alla maxi rissa sono stati denunciati alla procura della Repubblica del tribunale di Vallo della Lucania. Si tratta di R.D.A. 46enne di Centola, G.P. 57enne di Centola, S.P. 18enne di Centola, A.P. 21enne di Centola, B.M. 25enne di Palma Campania, M.P. 47enne di Centola, S.R. 44enne di Centola, D.C. 53enne di Pisciotta, G.M. 26enne di Palma Campania, A.S. e A.P. Sono tutti incensurati e ora sono accusati del reato di rissa.

carabinieri mare

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE