«Nonostante il piano di emergenza rischi ambientali sia stato da poco approvato, Palma si dimostra per l’ennesima volta inadeguata a fronteggiare le calamità. Ieri dopo l’enorme incendio del capannone industriale a via Spaccarape, dopo la mia chiamata ai vigili del fuoco alle 20,15, a seguito di una segnalazione di una cittadina, i vigili sono arrivati dopo un’ora e la strada non è stata chiusa al traffico. Le macchine venivano fatte regolarmente passare vicino la fabbrica in fiamme che poteva tranquillamente esplodere». A parlare è il consigliere comunale di Palma Campania, Alfonso Buonagura in merito al rogo che ha distrutto due capannoni, uno gestito da cinesi ed uno di abbigliamento, nell’area Pip cittadina.

«L’enorme nube tossica ha coperto tutta la zona, nessuno si è preoccupato di far evacuare le famiglie tappate in casa e di chiudere la zona al traffico, sia per eventuali esplosioni che per la diossina – continua – nessuno, perché non c’era nessuno, ha impedito a centinaia di curiosi di stare a 15 metri dall’incendio per ore».

incendio capannone