Era partito per Isernia con la sua autovettura e all’interno anche una pistola. Così l’uomo è stato fermato ad un posto di blocco ed arrestato. Ovviamente ora si indaga per capire il motivo che ha spinto l’uomo a partire armato verso il Molise. Ma torniamo ai fatti. Ieri un 40enne residente a San Giuseppe Vesuviano, M. C., è stato arrestato a Isernia dalla Finanza per detenzione illegale di arma da fuoco.

L’uomo è stato fermato a un posto di blocco dei finanzieri sulla Statale 85. Il nervosismo dell’uomo durante il controllo dei documenti ha fatto scattare la perquisizione dell’auto. La pistola trovata è una calibro 6,35 Zastava munita di caricatore con sette proiettili, alterata principalmente nella canna e nei congegni di scatto. Dai successivi controlli è emerso che l’uomo ha numerosi precedenti. È stato portato nel carcere di Ponte San Leonardo.

«Vista la dinamica degli spostamenti dell’arrestato, non si esclude – spiegano dalla Finanza – un suo coinvolgimento, come corriere di armi clandestine, in una organizzazione che approvvigiona la criminalità pescarese, fungendo da elemento di congiunzione fra la malavita napoletana e la delinquenza emergente della costa adriatica».

Ovviamente ora l’arma sarà sottoposta alle indagini di rito per riscontrare l’eventuale utilizzo in fatti di sangue o intimidazioni. Le indagini ovviamente si spostano in particolare a Napoli e nel quartiere dell’uomo. Forse il 40enne stava trasportando la pistola per qualche latitante napoletano che si nasconde proprio nel Molise ma questa resta solamente un’ipotesi.

pistola finanza